Etichette

Aglio (7) Agretti (1) Arance (1) Asparagi (3) Besciamella (1) Bietole (1) Broccoli (3) Canasta (1) Carciofi (1) Cardi (2) Carote (3) Cavolo nero (1) ceci (1) Cetrioli (1) Cicoria (1) Cime di rapa (2) Cipolla (2) cipolle (2) Colza (1) Crescione (1) Fagioli (1) Fagiolini (1) Fave (1) Lenticchie (1) Lievito madre (3) Melanzane (2) Melone (1) Menta (2) Noci (2) Pan di zucchero (1) Pasta Frolla (1) patate (1) Peperoni (2) Pesche (1) Piselli (1) Porro (3) Prezzemolo (3) Rape rosse (2) Riso (1) Scarola (1) Sedano (3) Uva (2) Zucca (2) Zucchine (3)

Saporita e inusuale...colza saltata!


La colza è proprio una verdura d'altri tempi...oltre a essere usata per i sovesci e per l'alimentazione animale, non avevo idea che ancora la si trovasse in commercio per uso alimentare...umano.
Così alcuni giorni fa, uno degli agricoltori da cui prendiamo le verdure me ne ha dato un bel mazzo...e troppo orgogliosa per chiedere "e come cavolo la cucino?!?"  ho pensato che con la mia fantasia culinaria mi sarei certamente arrangiata, e così è stato!
La colza è venuta buonissima, e con il suo sapore costituisce un'ottima alternativa alle verdure che abbiamo mangiato per tutto l'inverno...provare per credere...

Ingredienti per un contorno per 3 persone:
-un mazzo di foglie di colza da 500 gr (anche un pò meno...)
-sale, pepe, peperoncino
-aglio
-semi di girasole (ma perchè no anche noci, semi di sesamo, di zucca e quant'altro...)
-olio e.v.o.

Preparazione:
Sfilare dalla costola le foglie, come si fa per il cavolo nero. Sciacquarle abbondantemente e tenerle immerse in acqua (in modo che quando si metteranno in pentola saranno grondanti).
Mettere sul fuoco una padella a bordi alti o una pentola, con l'olio, aglio e peperoncino e attendere che questi ultimi due inizino a soffriggere e aggiungere quindi anche i vari semini.
Quando l'aglio  è dorato versare nella pentola le foglie di colza ancora molto bagnate, in modo che quell'acqua costituisca poi il liquido di cottura.
Appena messe in pentola o in padella, le foglie sembreranno molto ingombranti...ma vedrete che in pochi minuti il loro volume si ridurrà drasticamente! Se non vi entrassero tutte immediatamente nella pentola, attendete che quelle già messe a cuocere si riducano, versandovi sopra un pizzico di sale e coprendo con un coperchio; dopo uno o due minuti sarete già in grado di aggiungere le foglie rimaste fuori.

Lasciate cuocere la colza per circa 10-15  minuti, su fiamma media ma lasciando la pentola coperta, questo perchè un'eccessiva evaporazione dell'acqua ve la potrebbe far bruciare se non siete li pronti a mescolarla ogni 2 minuti! Quando le foglie avranno un colore scuro e saranno cotte (provatene una), togliete il coperchio, alzate un pò la fiamma e lasciate asciugare, girando di tanto in tanto.

Servite quando volete, calda o fredda, come contorno o accompagnamento di una polenta, o magari su dei crostini passati nel forno con una sfoglia di scamorza affumicata poggiata sopra...

E come sempre, buon appetito!

1 commento:

  1. Prova a mangiare la verdura adagiata su una semplice purea morbida di fave cotte, condite con un filo d'olio extra e, se ti piace, con una spolveratina di parmigiano grattugiato. Accompagna, per completare, con una fetta di pane toscano abbrustolito.
    Ricetta di nonna Francesca

    RispondiElimina